Lavoro Sicuro

By in
408
Lavoro Sicuro

Il decreto legislativo 81\08 ha definito in modo chiaro e netto le responsabilità e le figure in ambito aziendale per quanto concerne la sicurezza e salute dei lavoratori. L’obiettivo principale per la sicurezza sul lavoro è trovare diverse figure professionali che permettano di adottare e mantenere stili di vita sicuri. Per sicurezza non si intende soltanto in un ambito lavorativo, ma anche scolasticamente, per trasformare prima la percezione del rischio e poi il comportamento complessivo del ragazzo viene proposto un percorso educativo da svolgere per gradi, attraverso le fasi del sapere, del saper fare e del saper essere. Nel contesto scolastico, anno dopo anno, il corpo docente ha inteso approfondire la consapevolezza degli alunni, superando il piano cognitivo, per arrivare a quello delle attitudini comportamentali e dell’esperienza quotidiana. Il modello cui questa buona pratica si richiama prevede l’utilizzo di metodologie attive, che coinvolgano direttamente i ragazzi. Appare infatti evidente che un progetto mirante alla salute e alla sicurezza degli individui in età evolutiva, per definizione soggetti a “comportamenti a rischio “, non è confinabile alla singola classe ma deve coinvolgere l’intera scuola, e dove è possibile, il territorio e la comunità che lo abita. In questo progetto il corpo docente dev’essere affiancato dalle istituzioni territoriali cui appartengono gli esperti della prevenzione e sicurezza del lavoro e degli ambienti di vita. Ciò rappresenta un valido esempio di collaborazione fra scuola e territorio, consentendo di qualificare i contenuti del progetto. Per aiutare i ragazzi nell’approccio e inserimento nel modo del lavoro bisogna strutturare un percorso capillare e semplice allo stesso tempo. Questo tema della salute e sicurezza sul lavoro costituisce ambito privilegiato di competenza istituzionale ed è oggetto di costante impegno per una piena tutela della salute, dell’integrità e della dignità della persona in ogni ambiente di lavoro. In tale senso promuovere la salute e la sicurezza nell’ambiente di lavoro significa attivare misure adeguate e azioni positive che assicurino al cittadino la possibilità di esercitare compiutamente il proprio diritto al lavoro. È giusto quindi diffondere la cultura della sicurezza e della prevenzione riservando ampio spazio a tutte le attività e iniziative che contribuiscono a promuovere nei lavoratori comportamenti responsabili improntati alla tutela non solo della propria incolumità ma anche di quella altrui. Sui luoghi di lavori ci si può imbattere anche troppo spesso in agenti cancerogeni cioè sono fattori chimici in grado di causare tumori o favorirne l’insorgenza e la propagazione. Qualsiasi esposizione alle radiazioni può aumentare il rischio di cancro. Come accennato, mutageni e cancerogeni non sono sempre correlati. Ad esempio l’alcool e gli estrogeni sono o possono essere in determinate condizioni, cancerogeni ma non mutageni; essi stimolano l’aumento della velocità tra le divisioni cellulari riduce il tempo a disposizione per la riparazione del DNA, incrementando la possibilità di un errore genetico che sarà trasmesso alle cellule figlie.